Terapia Cognitivo Comportamentale - Eleonora Paoletti

Vai ai contenuti

Menu principale:

Ambiti d'Intervento > Comportamento Alimentare

La Terapia Cognitivo - Comportamentale dei Disturbi Alimentari







La terapia cognitivo comportamentale migliorata risulta essere oggi una dei trattamenti più efficaci per i disturbi dell’alimentazione. Questa può essere proposta sia nell’ambito di un lavoro psicoterapico col singolo paziente sia nell’ambito di una terapia che coinvolge i familiari.


La cct dei disturbi alimentari:

  • Affronta i meccanismi di mantenimento

  • e' cucita su misura sulle esigenze di ogni singolo paziente

  • è flessibile

  • ha una durata limitata nel tempo

  • è condotta da un equipe multidisciplinare non eclettica (psicologo/psicoterapeuta, nutrizionista specializzato, medico)



Il trattamento prevede:

  • Una prima fase di valutazione della sintomatologia specifica del disturbo e della eventuale    sintomatologia associata, della motivazione e dell’opportunità di iniziare un  trattamento.

  • Elaborazione del progetto terapeutico.

  • Riabilitazione nutrizionale con un nutrizionista specializzato in terapia cognitivo-comportamentale

  • Programma psico-educativo finalizzato a fornire al paziente informazioni circa il disturbo e le  strategie per risolverlo: caratteristiche del disturbo, i fattori di mantenimento, fattori che possono favorire l’insorgere di un disturbo dell’alimentazione, strategie per affrontare l’impulso alla abbuffata e i comportamenti di compenso quali il vomito, l’assunzione di lassativi o diuretici, informazioni circa una corretta alimentazione.

  • Programma psicoeducazionale con i familiari che ha lo scopo di fornire informazioni precise sullo stato       dell’arte in tema di disturbi dell’alimentazione; migliorare il livello delle conoscenze sulle risorse terapeutiche; insegnare tecniche ed abilità per migliorare le difficoltà di relazione e di comunicazione;

  • Compilazione e discussione del diario alimentare al fine di monitorare l’alimentazione e di individuare i momenti critici;

  • Ristrutturazione cognitiva: si affrontano i meccanismi cognitivi, chiamati pensieri sabotanti o pensieri ingrassanti  che sostengono la difficoltà alimentare.  Aspetti centrali della ristrutturazione cognitiva sono:la costruzione dello “schema di autovalutazione disfunzionale” attraverso cui l’individuo attribuisce un’eccessiva importanza al peso, alle forme corporee e al controllo dell’alimentazione e la compilazione dello “schema dei meccanismi di mantenimento”.

  • Modulo sulla gestione delle emozioni (ove necessario) allo scopo di ridurre gli effetti sull’alimentazione

  • Modulo relazionale (ove necessario) finalizzato a ridurre gli effetti di relazioni familiari conflittuali sull’alimentazione.

  • Modulo specifico finalizzato ad affrontare il perfezionismo clinico e la bassa autostima (ove necessario)





 
Torna ai contenuti | Torna al menu